Interrogazione a risposta scritta sui proventi delle multe nel Comune di Reggello

Mozione per impegnare l’Amministrazione Comunale ad attivarsi in ogni opportuna sede per la modifica dell’articolazione tariffaria vigente in materia di servizio idrico integrato
22 Gennaio 2017
VIABILITA’ A VAGGIO PROBLEMI SEGNALATI DAGLI ABITANTI
26 Gennaio 2017
Mostra tutto

Interrogazione a risposta scritta sui proventi delle multe nel Comune di Reggello

Interrogazione a risposta scritta sui proventi delle multe nel Comune di Reggello

L‘articolo 208 del codice della strada prevede che il 50 per cento delle somme che i comuni incassano con le multe da infrazioni al codice stesso, comminate dalla polizia municipale, debba essere obbligatoriamente utilizzato per finalità connesse alla sicurezza stradale, alla manutenzione delle strade, al potenziamento dei servizi di controllo finalizzati alla sicurezza urbana e alla sicurezza stradale attraverso l’acquisto di automezzi, mezzi e attrezzature, mentre il restante 50 per cento possa essere liberamente destinato ad altre finalità;
l’articolo 142 del codice della strada dispone che i comuni debbano destinare integralmente le somme di loro competenza, derivanti dalle multe comminate attraverso l’utilizzo degli
autovelox, alla realizzazione di interventi di manutenzione e messa in sicurezza delle infrastrutture stradali, ivi comprese la segnaletica e le barriere, e dei relativi impianti, nonché al potenziamento delle attività di controllo e di accertamento delle violazioni in materia di circolazione stradale, ivi comprese le spese relative al personale, nel rispetto della normativa vigente relativa al contenimento delle spese in materia di pubblico impiego e al patto di stabilità interno;
la situazione della manutenzione stradale in molti
casi è critica e la grande presenza di crepe, buche, avvallamenti e altre forme di dissesto del manto stradale è spesso causa di una notevole quantità di sinistri;
le sanzioni amministrative comminate per la violazione del codice della strada sono diventate per alcuni enti locali, di fatto, uno strumento per garantirsi entrate supplementari in favore dei propri bilanci con destinazioni non conformi alle previsioni di legge;

  CONSIDERATO CHE

   le sanzioni amministrative comminate per la violazione del codice della strada sono diventate per alcuni enti locali, di fatto, uno strumento per garantirsi entrate supplementari in favore dei propri bilanci con destinazioni non conformi alle previsioni di legge;

VISTO CHE

i comuni devono trasmettere in via informatica al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti ed al Ministero dell’interno, entro il 31 maggio di ogni anno, una relazione in cui sono indicati, con riferimento all’anno precedente, l’ammontare complessivo dei proventi di propria spettanza, derivanti sia dall’accertamento delle violazioni ex articolo 208 (infrazioni al codice della strada), che da quelle ex articolo 142 (infrazioni rilevate dai cosiddetti autovelox), come risultante da rendiconto approvato nel medesimo anno, e gli interventi realizzati a valere su tali risorse, con la specificazione degli oneri sostenuti per ciascun intervento –:

SI CHIEDE AL SINDACO

– l’ammontare complessivo dei proventi di propria spettanza riferiti agli anni 2014 e 2015;

di acquisire , sui fondi vincolati ex lege, quale sia la percentuale di tali fondi effettivamente

investiti sul territorio reggellese, ossia nell’adeguamento, ammodernamento o manutenzione delle infrastrutture e dell’arredo stradale,nel potenziamento delle attività di controllo, nei corsi di educazione stradale, nella mobilità ciclistica, nella redazione dei piani urbani del traffico.

 

 

 

1477580918720_INTERR_N.55-16_grandis